Le lesioni cutanee da pressione sono note anche come ulcere da pressione o piaghe da decubito. Esse si verificano quando il tessuto cutaneo e sottostante viene danneggiato. In casi gravi, il muscolo e addirittura l’osso possono essere danneggiati.

Le persone che non godono di una parziale o totale a causa di una malattia, la paralisi, o l’età avanzata spesso sviluppano ulcere da pressione.

Quanto sono presenti le ulcere da decubito?

Le ulcere da pressione sono un problema di salute molto diffuso e spesso sottovalutato. Ad esempio, nel Regno Unito, si stima che tra il 4% – 10% di tutti i pazienti ricoverati svilupperà almeno una lesione da pressione. Per le persone anziane con problemi di mobilità, la cifra può essere alta fino al 70%.

Anche con le migliori cure mediche e infermieristiche possibili, le ulcere da pressione possono essere difficili da evitare che nelle persone particolarmente vulnerabili.

Prognosi

In alcuni casi, le ulcere da pressione presentano un minor rischio che può essere trattato con qualche semplice assistenza infermieristica. Tuttavia, a volte possono causare gravi danni alla pelle e portare a infezioni pericolose per la vita, come l’infezione diffusa del sangue (sepsi) e la morte dei tessuti (cancrena).

Ci sono due obiettivi principali nella cura di persone che sono a rischio di sviluppare ulcere da pressione:

  • tentare di prevenire lo sviluppo di ulcere da decubito utilizzando medicazioni e attrezzature speciali, e cambiando regolarmente la postura di un paziente, e
  • trattare ferite da pressione esistenti pulirle e poi utilizzare antibiotici, migliorare l’alimentazione e, nei casi più gravi, intervenire a livello chirurgico.

Le aree che sono più a rischio di sviluppare piaghe da decubito sono le parti del corpo che non sono coperte da un alto livello di grasso corporeo e sono in contatto diretto con una superficie di supporto, come un letto o carrozzina.

Ad esempio, se si è a letto legati, si è a rischio di sviluppare ulcere da pressione su:

  • Ad esempio, se si è a letto legati, si è a rischio di sviluppare ulcere da pressione su:
  • spalle, o scapole
  • gomiti
  • parte posteriore della testa
  • bordi delle orecchie
  • ginocchia, caviglie, talloni o piedi
  • parte bassa della schiena sacro
  • i genitali (negli uomini), e
  • il seno (nelle donne)

Un utente su sedia a rotelle, è a rischio di sviluppare ulcere da pressione su:

  • glutei
  • coccige (il piccolo osso nella parte inferiore della colonna vertebrale)
  • colonna vertebrale
  • scapole,
  • parte posteriore delle braccia e delle gambe

La classificazione delle ulcere da pressione

I professionisti sanitari utilizzano un sistema di classificazione per descrivere la gravità delle ulcere da pressione. Questi gradi sono descritti di seguito.

ulcer1

1° Stadio

Tipologia di ulcera più superficiale. L’area interessata della pelle appare scolorita ed è rossa per pazienti con carnagione bianca e viola, o blu, nelle persone con una carnagione scure. Nel 1° stadio, la pelle rimane intatta, ma può far male, o prurito, il tessuto può risultare sia caldo e spugnoso, oppure duro al tatto.

ulcer2

2° Stadio

In un’ulcera di 2° stadio, alcuni strati della superficie esterna della pelle (l’epidermide) o lo strato più profondo della pelle (derma) è danneggiato, con conseguente perdita della pelle.

L’ulcera si presenta come una ferita aperta, o un blister.

ulcer3

3° Stadio

In un’ulcera di 3° stadio, si verifica la sparizione della pelle tutto lo spessore della pelle e il tessuto sottostante risulta danneggiato. I muscoli e le ossa sottostanti non risultano ancora danneggiati.

L’ulcera appare come una ferita con una cavità profonda.

ulcer4

4°Stadio

Il 4° stadio delle ulcere da pressione è il tipo più grave. La pelle è gravemente danneggiata e il tessuto circostante comincia a morire (necrosi tissutale). I muscoli sottostanti, o le ossa, possono anche essere danneggiati.

Le persone con un quarto grado di ulcere da pressione hanno un alto rischio di sviluppare infezioni pericolose per la vita.

Vedere la nostra gamma di superfici dinamiche adeguate

Le ulcere da pressione sono un problema di salute complesso, derivanti da molti fattori tra loro collegati, la vostra cura può essere fornita da un team di assistenza composta da diversi tipi di operatori sanitari. Questo tipo di squadra è noto anche come un team multi-disciplinare (MDT).

I possibili membri di una MDT possono includere:

  • infermieri
  • un consulente per la gestione dell’incontinenza
  • un assistente sociale
  • un fisioterapista
  • un dietista
  • un urologo (un medico specializzato nel trattamento di condizioni che influenzano il sistema urinario)
  • un gastroenterologo (un medico specializzato nel trattamento di condizioni che interessano l’intestino)
  • un chirurgo plastico
  • un chirurgo ortopedico (un chirurgo specializzato nel trattamento di condizioni che interessano le articolazioni e le ossa), e
  • un neurochirurgo (un chirurgo specializzato nel trattamento di condizioni che colpiscono il cervello e il sistema nervoso)

Cambiare posizione

Regolarmente muovere il corpo e cambiare la vostra posizione è uno dei modi migliori per prevenire ulcere da pressione in via di sviluppo, e per alleviare la pressione a livello di 1° e 2° stadio.

Una volta che la valutazione del livello di rischio è stata completata, il team di assistenza elaborerà un ‘calendario di riposizionamento’ che indicherà quante volte il paziente dovrà essere riposizionato. Per alcune persone, questo può essere più spesso una volta ogni 15 minuti, mentre altri possono avere bisogno di essere movimentati solo una volta ogni due ore

Un infermiere o un Fisioterapista possono anche dare formazione e consulenza su:

  • corretta posizioni seduta
  • come si può regolare la posizione seduta e sdraiata
  • quanto spesso è necessario cambiare posizione o ricevere il cambio di postura
  • il modo migliore per sostenere i vostri piedi
  • come mantenere una buona postura, e
  • l’attrezzatura speciale che si dovrebbe usare e come usarla

Materassi e cuscini

Una gamma di materassi speciali e cuscini sono disponibili e possono essere utilizzati per alleviare la pressione su parti vulnerabili del corpo. Il vostro team clinico potrà valutare
quali tipi di materassi e cuscini sono i migliori per voi.

Le persone che sono ritenute a rischio di ulcere da pressione in via di sviluppo, o che hanno ulcere di 1° e 2° stadio pre-esistenti potranno beneficiare degli effetti benefici di una superficie in schiuma appositamente progettata che allevia la pressione sul loro corpo.

Le persone con ulcere di 3° o 4° stadio potranno usufruire di un materasso più sofisticato, o un sistema letto e superficie. Ad esempio, ci sono materassi che possono essere collegati ad un flusso costante di aria, che è regolata automaticamente in modo da ridurre la pressione d’interfaccia quando richiesto.

Medicazioni

Medicazioni appositamente progettate e bendaggi sono disponibili e possono essere utilizzati per proteggere le ulcere da pressione e accelerare il processo di guarigione.

Esempi di questi tipi di medicazione includono:

  • medicazioni idrocolloidali – sono medicazioni che contengono un gel speciale che favorisce la crescita di nuove cellule della pelle sulle ferite mantenendo la pelle nella zona sana circostante asciutta, e
  • medicazioni alginati – sono medicazioni composte da alghe e contengono sodio e calcio, noti per accelerare il processo di guarigione.

Preparazioni per uso topico

Preparati topici, come creme e unguenti, possono essere utilizzati per contribuire ad accelerare il processo di guarigione, e anche prevenire ulteriori danni ai tessuti. Un tipo di sostanza chimica, conosciuta come spazzini dei radicali liberi di ossigeno, può aiutare a prevenire danni alle cellule a livello genetico.

Antibiotici

Se siamo in presenza di ulcere da pressione, può essere somministrato dell’antibiotico per prevenire lo sviluppo di ‘infezione batteriche e/o come precauzione, per evitare una infezione sviluppo secondario.

Può anche essere applicata della Crema antisettica direttamente a qualsiasi ulcera da pressione per eliminare eventuali batteri che possono essere presenti.

Nutrizione

Alcuni integratori alimentari, come proteine, zinco, e la vitamina C hanno dimostrato di accelerare la guarigione delle ferite. Se la vostra dieta è priva di queste vitamine e minerali, la pelle può diventare più vulnerabili allo sviluppo di ulcere da pressione.

Per evitare questo rischio, si può fare riferimento ad un dietista in modo che un piano dietetico adeguato possa essere redatto per voi.

Escarectomia

In alcuni casi, può essere necessario rimuovere tessuto morto dal ulcera per stimolare il processo di guarigione. Questo intervento è noto come escarectomia o toilette chirurgica.

Se vi è una piccola quantità di tessuto morto, può essere possibile rimuoverlo utilizzando medicazioni appositamente progettate.

Grandi quantità di tessuto morto possono essere rimossi con specifiche attrezzature. Alcune tecniche di escarectomia meccaniche includono:

  • pulizia e l’irrorazione a pressione – dove il tessuto morto viene rimosso con getti d’acqua ad alta pressione
  • ultrasuoni – dove il tessuto morto viene rimosso utilizzando onde di energia a bassa frequenza, e
  • laser – dove il tessuto morto viene rimosso utilizzando fasci di luce concentrato.

La terapia Maggot

La terapia Maggot – nota anche come terapia con larve – è un metodo alternativo di escarectomia. Le Maggots sono ideali per escarectomie perché si nutrono di tessuti morti e infetti senza toccare i tessuti sani. Aiutano anche a combattere le infezioni rilasciando sostanze che uccidono i batteri e stimolano il processo di guarigione.

Durante la terapia con le larve, le stesse sono mescolate in una medicazione e la zona è poi coperto con una garza. Dopo un paio di giorni, la medicazione viene tolta e le larve vengono rimosse.

Chirurgia

A volte, potrebbe non essere possibile per un livello di ferite di 3°/4° stadio guarire completamente, in questo caso sarà necessario intervenire chirurgicamente per chiudere la ferita e prevenire ulteriori danni ai tessuti che si verificano.

Una tecnica chirurgica ampiamente usata per il trattamento delle ulcere da pressione è nota come sostituzione del lembo (talvolta indicato come ricostruzione del lembo). Durante questa tecnica, il chirurgo utilizza un bisturi per eliminare il tessuto necrotico morto. Un lembo di pelle e muscolo viene poi prelevato da un’altra parte del corpo e viene utilizzato per chiudere la ferita.

L’intervento di sostituzione del lembo può essere impegnativo, ed è spesso reso più difficile dal fatto che la maggior parte delle persone che si sottopongono alla procedura sono già in un pessimo stato di salute. Come risultato di questi fattori di rischio, ci sono un gran numero di possibili complicanze che possono insorgere dopo l’intervento chirurgico comprendenti:

  • infezioni,
  • morte del tessuto del lembo impiantato
  • debolezza muscolare
  • vesciche
  • ricorrenza delle ulcere da pressione
  • infezione del sangue
  • infezione dell’osso
  • emorragia interna
  • ascessi, e
  • Trombosi venosa profonda

Nonostante l’alto rischio di complicanze, la chirurgia è spesso una necessità clinica, al fine di prevenire le complicanze potenzialmente letali di ulcere da pressione in via di sviluppo, come l’avvelenamento del sangue, o cancrena.